Follow Me Instagram_Icon_Small google imgres

Saturday, August 19, 2017

Il Radicchio Rosso di Treviso IGP Tardivo

Posted by Matteo Casadio on 21 novembre 2014

L’ Europa ha lanciato la campagna “L’Europa firma i prodotti dei suoi territori” rivolta  a promuovere alcune eccellenze ortofrutticole DOP IGP di Italia, Francia e Spagna. Per la Francia troviamo il Kiwi de l’Adour, l’Asparago di Sables des Landes, la Fragola del Périgord e la Prugna d’Agen; per la Spagna il Kaki di Ribera del Xùquerper; per l’Italia la Pera dell’Emilia-Romagna, la Pesca e Nettarina di Romagna e il Radicchio di Treviso.

DOP-IGP Italia

Il Veneto è il maggior produttore di radicchi, ed è in questo territorio che si coltivano le 5 varietà  DOP IGP: il radicchio precoce, il radicchio tardivo, il radicchio variegato di Castelfranco, il Radicchio di Verona, il Radicchio di Chioggia sia rosso che bianco.

tipi radicchio

Subito fuori Castelfranco, direzione Treviso troviamo la Strada del Radicchio, nel Parco naturale del SileÈ questa la zona dove si produce il Radicchio Rosso Tardivo di Treviso.

treviso

Solo dopo aver visto i luoghi, le persone e le loro mani lavorare, ascoltato il loro sapere, la loro passione e le loro esperienze,  si può iniziare a capire il valore di ogni singolo”Fiore” di Radicchio Rosso di Treviso IGP Tardivo.

radicchio treviso

La zona di produzione ha la sua fondamentale importanza, sia per il particolare clima costante, non troppo freddo con solo qualche notte di temperature sotto zero, sia per la conformazione del terreno, requisiti fondamentali per ottenere il marchio DOP. Per il forte legame con questa terra, il radicchio di Treviso è stato il primo prodotto  al quale è stato abbinato il nome della zona di produzione.

Il Radicchio Rosso di Treviso che troviamo ordinato nella cassetta del mercato è il frutto di anni di accurata selezione del seme, di una concimazione naturale della terra e di un’aratura leggera, (il terreno deve mantenere sempre la sua natura, altrimenti diventa ambiente ideale per i parassiti) e di una particolare e lunga lavorazione. I preziosi semi vengono fatti germogliare verso la metà di luglio, quindi le piantine distribute nel terreno a una distanza di 60 cm una dall’altra. Il radicchio inizierà a maturare dalla fine di ottobre alla fine di gennaio.

radicchio fiore

È questo il momento nel quale viene raccolto con tutta la sua radice, pulito dalla terra e legato in grossi mazzi, che possono essere conservati anche 3 mesi prima di passare alla fase successiva.

radicchio vasche

I mazzi di radicchio vengono poi messi in vasche per l’imbianchimento, (tecnica utilizzata già alla fine dell’800), tenendo immerse le radici nelle preziose e pure acque sorgive, provenienti dal sottosuolo dalle vicine montagne calcaree, che da una profondità di 200 metri arrivano in superficie ad una temperatura di circa 12º C. È qui che in 15/20 giorni avviene una la trasformazione che da vita al fiore, il cuore del radicchio tardivo.

radicchio trevisano

Vengono eliminate tutte le foglie esterne e pulite la radici con affilati coltelli.

trevisano

A questo punto il Radicchio Rosso di Treviso, viene lavato in grosse bacinelle sempre con la freschissima acqua proveniente dal sottosuolo e riordinato in cassette, pronto per essere venduto ai consumatori più attenti.

radicchio tardivo

radicchio igp

Tutte queste le fasi di lavorazione e le attente tecniche utilizzate hanno conferito il marchio IGP al Radicchio Trevigiano Tardivo, non per niente i prodotti per ottenere il marchio  IGP devono essere strettamente legati al territorio di provenienza e presentarsi con caratteristiche ben definite e garantite.

di Matteo Casadio

home | top